Poetica dell’alimentazione

Performance, porca miseria

Cronache alimentari da una serata diversa, Contrabbando Poetico e la poetica dell’alimentazione.

Cronache culturali. La catena alimentare, il più forte mangia il più debole, o della nutrizione cerebrale, poietica, cultuale (nell’accezione di W. Benjamin)! Porca Miseria, evento organizzato da Lupo Editore il 22 luglio 2011 a Copertino (LE) in collaborazione con Salumeria Negri, contro i tagli alla cultura coniuga l’aspetto artistico-letterario in relazione a quello alimentare. Pane e poesia! Musica e tante parole.

La preziosissima catena alimentare permette la sopravvivenza di tutte le specie viventi, dalle più piccole  alle più grandi. Chiaramente tutte le specie hanno bisogno di qualcosa di cui nutrirsi. Le piante di ossigeno, gli erbivori di vegetali e i carnivori di carne. Questo sistema regolato dalla natura non fa una piega. Ma cosa succede se il ferocissimo carnivoro non ha più la possibilità di procacciarsi la sua razione quotidiana di cibo? Cosa succede se  la pianta  è costretta a vivere in un ambiente totalmente privo di ossigeno, o quasi? La risposta è ostensiva.  In questi casi si va incontro ad un collasso dell’individuo o addirittura della specie. Morte. Non c’è  scampo ai morsi della fame. Anche l’animale più mite dilaniato da questo bisogno si trasforma in una bestia scatenata.
Questo semplice esempio si modella perfettamente alla situazione culturale italiana: Vengono contaminate le nostre sorgenti e ruscelli d’acqua (Informazione), viene reso impossibile l’approccio alimentare con le nostre fonti di cibo (alto costo del libro), ma sopratutto scarseggia la fonte di cibo stessa (Cultura). Cosa fare per sedare questo bisogno impellente di fame culturale che dilania le nostre menti e ci rende schiavi di una società calcificata dall’ignoranza ? Noi  Contrabbandieri Poeti non vogliamo morire. Sopravviviamo  e vogliamo aiutare a sopravvivere in questa carestia intellettuale che miete vittime superando i record della peste. Foreste rigogliose e piene di buoni frutti si sono trasformate in deserti e lande desolate, dove la cultura bisogna cercarla scavando a mani nude nella terra brulla e piena di sassi taglienti. Niente può fermarci, le forze non mancano, abbiamo buone provviste.
Siamo animali in cerca di cibo, piante in cerca di ossigeno e lottiamo fino allo stremo. Abbiamo fame e la POESIA è la nostra linfa.
Il 22 luglio 2011 a Copertino(LE), Porca Miseria ha dato i suoi frutti.
Un  evento ideato da Lupo Editore ha deliziato molti spettatori sia a livello culinario che letterario, e Contrabbando Poetico  ha contribuito  contro la “denutrizione” Culturale. La poesia e la cultura sono necessità di uguale importanza a quella del cibo. Contrabbando Poetico, per quest’evento, ha pensato a qualcosa che potesse saziare i bisogni alimentari e quelli culturali, bisogni, come ribadito prima, incombenti: Una vera  e propria distribuzione di panini imbottiti fino a scoppiare di poesia. Succulenti fette di mortadella condite con sana Poesia prodotta esclusivamente da noi. Più che esplosioni di grassi  questi piccoli pasti rappresentano l’inizio di una vera e propria dieta alimentare contro la cattiva nutrizione culturale, contro gli OGM mediatici e contro i grassi saturi propinati dalle industrie “Cultu-alimentari”.
È ora di interrompere questo circolo vizioso, questo sovrappeso ignorante, perché è a questo che vogliono condurci. Un ammasso di animali mal nutriti o denutriti, animali che seguono il pastore per una minima o avvelenata razione di cibo. Siamo come la carne dei bovini che mangiamo ed è arrivato il momento di rendercene conto.

Cristiano CP Caggiula
2011-07-29

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...